Cresme: 2021 anno della ripartenza a condizione che


Una nuova fase ciclica espansiva 2021-2025 trainata dal recupero abitativo e dalle opere pubbliche, a fare da sfondo il rischio di una profonda riconfigurazione del mercato. Questo il condensato delle analisi contenute nel XXIX Rapporto Congiunturale e previsionale del Cresme, presentato ieri, 3 dicembre 2020 in modalità webinar live streamed dalla sede del Cresme di Roma. La previsione per gli investimenti in costruzioni nel 2021 è di un +8,3%, un rimbalzo forte che delinea un settore pronto a ripartire su sui pesano, però, i nodi dell'impatto limitato del Superbonus 110% per l'incognita della proroga del termine oltre il 2021110% e la questione Recovery Plan.