Confindustria: la difficile risalita dopo il crollo


Un profondo calo del PIL italiano del -10% nel 2020 e un recupero parziale del +4,8% nel 2021. La contrazione del PIL di quest'anno porta i livelli indietro a quelli di 23 anni fa. L'impatto della crisi sanitaria è stato leggermente più negativo di quello atteso alcuni mesi fa, portando a una lieve revisione al ribasso delle stime rispetto allo scenario delineato da Confindustria a maggio. Questo è il quadro emerso dalla presentazione del Rapporto di previsione sull'economia italiana di sabato 10 ottobre alla presenza del Ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e del Presidente di Confindustria Carlo Bonomi.