Recessione profonda e disomogenea, ripresa incerta


Questa la sintesi delle previsioni economiche di primavera 2020 della Commissione Europea presentate ieri a Bruxelles. "I dati aggregati a livello europeo nascondono considerevoli differenze fra Paesi. Tra i Paesi più grandi, l'Italia è stata colpita per prima e con più forza, con le misure di contenimento che ora cominciano ad essere rimosse gradualmente, l'economia comincerà la ripresa dalla seconda metà del 2020. Ciononostante, si prevede che la ripresa italiana prenderà più tempo che negli altri Paesi". Così ha commentato il commissario Ue all'economia Paolo Gentiloni.