Via libera Ue all'economia circolare


Il Consiglio europeo ha approvato in via definitiva le quattro proposte di direttive che costituiscono il cosiddetto pacchetto sull'economia circolare, che andranno a modificare le attuali direttive su rifiuti, imballaggi, discariche, pile, veicoli e rifiuti elettronici. Con queste nuove direttive l'Europa ha inaugurato il passaggio verso un sistema produttivo improntato alla rigenerazione delle risorse utilizzate e virtualmente privo di scarti. Il calcestruzzo è un materiale che in sé soddisfa in pieno i principi dell'economia circolare, poiché può essere riciclato al 100% a fine vita, contribuendo in modo fondamentale agli obiettivi di riciclo dei rifiuti da costruzione e demolizione. Fra le principali novità della nuova Direttiva rifiuti, quella di maggiore interesse per il settore del calcestruzzo, l'introduzione del principio di demolizione selettiva, il rafforzamento del concetto di responsabilità estesa del produttore, l'introduzione di strumenti economici per incentivare forme di prevenzione e riciclo. Le modifiche apportate dal pacchetto economia circolare entreranno in vigore trascorsi venti giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea.